Acquantalgica quali sono i benefici?

Cos’è l’acquantalgica

Con il termine ‘acquantalgica’ si intende una metodica di lavoro in acqua, perlopiù in piscina, finalizzata alla cura e alla prevenzione di diversi disturbi alla schiena. È una forma di esercizio rivolta a tutti, senza distinzione. Gli esercizi infatti vengono selezionati in base alla dimestichezza che un soggetto ha con l’acqua. L’assunzione di diverse posture che fuori dall’acqua non si riescono a mantenere è proprio il fulcro di questa disciplina, che fa dunque del mezzo liquido un importante alleato.

Ci possono essere esercizi in acqua bassa e in acqua media, con o senza l’ausilio di attrezzi, con il capo fuori dall’acqua o in immersione, attaccati alla parete della piscina o meno. Solitamente, vengono utilizzati utensili quali tavolette, salvagenti, braccioli, tubolari e pinne.

Quando il medico prescrive l’attività in piscina a una persona con una sofferenza lombagica, spesso non realizza che un corso di nuoto segue delle proprie regole. Il nuoto antalgico invece tende a educare il soggetto, consentendogli di nuotare attraverso esercizi natatori a lui più indicati, eliminando dal repertorio eventuali esercizi non adeguati ai disturbi che lamenta. Ma quali sono i benefici dell’acquantalgica?

I benefici dell’acquantalgica

Tra i benefici dell’acquantalgica, il principale è sicuramente quello di diminuire, se non eliminare, lo stato di sofferenza del soggetto interessato da lombaggine. Questo risultato è raggiungibile mediante diversi step progressivi.

Il soggetto deve in primis prendere coscienza della posizione della propria colonna vertebrale e imparare a controllarla in acqua, nelle posizioni e nei movimenti durante le differenti situazioni proposte. Gli esercizi in acqua consentono poi di decomprimere o dischi invertebrali e di allungare le strutture, consentendone il rilassamento. Migliora di conseguenza la mobilità articolare standard e l’allungamento muscolare. Si rafforzano le gambe e gli addominali.

Tra gli altri benefici dell’acquantalgica c’è il miglioramento dell’equilibrio, della respirazione, della coordinazione motoria, della capacità cardiocircolatoria e della forza fisica.

VIDEO

Leave a Reply

Your email address will not be published.